Velocità e fattori che la influenzano

massimo_conti_ptLa velocità di esecuzione di un gesto motorio è una caratteristica prestativa differenziabile in 3 fasi:

  • Fase di REAZIONE allo stimolo (interno o esterno)
  • Fase di ACCELERAZIONE
  • Fase di RAPIDITA’ MASSIMA

Per quanto possa essere logico che la velocità risulti influenzata da alcuni fattori, in pochi sospettano che questi ultimi siano davvero molti; esistono fattori determinati dalle doti, dallo sviluppo e dall’apprendimento del soggetto. Tra queste ricordiamo età, sesso, caratteristiche antropometriche, costituzione, tecnica e socializzazione. Altri fattori sono di tipo cognitivo sensoriale e psichico: concentrazione, elaborazione mentale, motivazione e forza di volontà, esperienza e capacità di anticipazione, forza mentale e capacità di apprendimento.

Non mancano poi i fattori di natura propriamente NERVOSA: reclutamento e frequenza degli impulsi motori, alternazione tra eccitazione ed inibizione del sistema nervoso, co-attivazione, velocità di conduzione nervosa, pre-attivazione nervosa, attivazione riflessa, pattern di attivazione neuromuscolare, neurobiochimica.

In ultimo, ma non da meno, i fattori tendineo-muscolari: distribuzione e tipi di fibre muscolari, sezione muscolare, velocità di contrazione, elasticità muscolare e tendinea, allungabilità, lunghezza dei muscoli e leve di forza, trasformazione energetica e temperatura del muscolo. Velocità pura e metabolismo energetico Il metabolismo energetico che influenza maggiormente la velocità è quello anaerobico alattacido (che sfrutta l’adenosintrifosfato [ATP] e la creatinfosfato [CP]), supportato da quello anaerobico lattacido (che sfrutta la glicolisi anaerobica (glucosio liberato dal glicogeno muscolare od ottenuto per neoglucogenesi); in questo caso, i fattori limitanti la prestazione e che quindi devono essere

ALLENATI sono:

  • La capacità muscolare delle concentrazioni di ATP e creatinfosfato
  • La potenza muscolare, ovvero l’attività degli enzimi che scindono la creatinfosfato e la specializzazione delle fibre muscolari
  • Meno rispetto agli altri (nella velocità pura!), il potenziale lattacido; ovvero l’efficacia della produzione di energia attraverso la glicolisi anaerobica (più utile nella forza veloce, nella resistenza alla forza veloce e nella resistenza massimale alla velocità).
  • Allenamento della velocità

Iniziamo col dire che la velocità è una caratteristica che, per essere portata al massimo del potenziale, dovrebbe essere allenata fin dalla giovane età del soggetto; tuttavia, in uno sportivo si possono osservare significativi adattamenti muscolari sin dalle prime 8 settimane di allenamento (Medbo, Berger s – 1990) .

Attraverso l’ allenamento specifico, la muscolatura del velocista e del velocista resistente subisce alcune modifiche fondamentali:

  • Aumento delle riserve energetiche di: ATP e CP (+20%), e glicogeno (+50%)
  • Aumento degli enzimi: ATPasi (+30%), Miocinasi (+20%) e Creatinfosfochinasi (+36%).

Schermata 2016-02-10 alle 22.10.40I principi metodologici dell’allenamento della velocità sono molti; innanzitutto, è essenziale che l’atleta risulti più fresco e riposato possibile. In secondo luogo, i volumi di lavoro specifico devono essere MOLTO più bassi rispetto a quelli della forza e della resistenza perché non avrebbe senso protrarre eccessivamente uno stimolo nel momento in cui il soggetto non fosse più in grado di rendere al 100%. E’ poi anche essenziale applicare SEMPRE il massimo dell’intensità d’allenamento (con recuperi molto ampi) per massimo due sessioni settimanali; evitare di standardizzare le condizioni ambientali in modo da non indurre “un’abitudine” che potrebbe rivelarsi limitante in gara e sfruttare sempre la specificità del movimento. E’ opportuno ricordare di applicare un’intensità massimale SOLO in seguito al raggiungimento della completezza tecnica, in caso contrario, è consigliabile ridurre la velocità di esecuzione.
Arnold Classic Europe è l’evento multisport del fitness e bodybuilding amatoriale e professionale ai massimi livelli. Oltre a tutta una serie di diversi sport, che riunisce atleti di tutte le età. Sport di diversa natura che mostrano la versatilità di questo evento: karate, judo, kickboxing, basket, calcio, sci di fondo, tennis, wrestling, cheersleaders, pole dance, ginnastica, lotta, strongman. L’Arnold Classic Europe si svolge tutti gli anni in Spagna, nel mese di settembre presso il Pabellón de Cristal e Madrid Arena a Casa De Campo.

Lascia un commento