Lo Stile Wado Ryu

KARATE Wado Ryu

Il Wado-ryu è uno stile giapponese di karate fonda to nel 1934 dal Gran Maestro Hironori Otsuka. Il suo nome significa “Scuola della Via della Pace” o “Scuola della Via dell’Armonia”. Al contrario della maggior parte degli stili di karate, che sono stati sviluppati ad Okinawa, il Wado Ryu è il primo stile di karate ad essere originario del Giappone. Pur trovando le sue origini nel Te di Okinawa, il Wado Ryu è uno stile in qualche modo a sé stante. La sua caratteristica principale è la fusione operata dal M. Otsuka tra lo Shindo Yoshin Ryu Jujitsu e il Rykyu Kenpo To-Te-Jitsu. Confronto agli altri stili le posizioni sono leggermente più alte, naturali, morbide e la distanza di combattimento è medio-corta. Lo stile pone particolare attenzione alla mobilità, alla velocità e soprattutto alla fluidità delle tecniche con un uso sapiente del Taisabaki (schivata) . Otsuka stesso insegnò che il proprio movimento è la manifestazione del proprio spirito. Caratteristica portante è inoltre l’ampio bagaglio di Jujitsu con lo studio approfondito di proiezioni (nage-waza), leve articolari (kansetsu waza), immobilizzazioni e strangolamenti (shime waza) che si accompagnano all’uso degli atemi waza (tecniche di percussione) derivati dal karate il cui scopo è quello di causare un trauma anatomico in zone sensibili del corpo umano per neutralizzare l’avversario nel modo più rapido possibile, andando a colpire i punti sensibili (kyusho).

Hironori_Ohtsuka-817x1024H. OHTSUKA GRAN MASTER (1892-1982)

Al classico schema “attacco-parata-contrattacco” il maestro sostituì quello più efficace di “attacco-contrattacco” rifiutando dunque un contrasto cruento ma prediligendo, al contrario, l’evasione (Nagashi) e la schivata. Soprattutto nei Kihon Kumite e nei Kumite Kata infatti, che si possono definire le «fondamenta» degli insegnamenti del maestro Otsuka, ritroviamo un concetto dinamico particolarissimo caratterizzato da: “schivata-contrattacco-proiezione(o sbilanciamento)” in un unico gesto tecnico. Osserviamo in ciò il principio di flessibilità (Ju) tipico del Jujitsu con l’adozione del principio di circolarità dell’Aikido. In tutto questo assume particolare importanza la rotazione delle anche. Tutte le tecniche Wado, in sostanza, richiamano all’essenzialità della difesa secondo il principio “sei ryoku zen‘ yo” (massimo risultato con il minimo sforzo). Fondamentale importanza assume nello studio degli atemi il controllo della respirazione e della muscolatura mediante la contrazione soltanto al momento dell’impatto per tornare immediatamente alla decontrazione muscolare.

chojun_20miyagi-801x1024Gōjū-ryū,

fondato da Chojun Miyagi, in Giapponese sta per “stile duro-morbido”, o “scuola (ryū) della durezza (Gō) e cedevolezza (jū)”) è uno dei principali stili del karate di Okinawa e rappresenta una combinazione di tecniche “dure e morbide”. Go, che vuol dire duro/sodo, si riferisce a tecniche di mano chiusa con attacchi lineari e diritti; Ju, che vuole dire morbido/molle, assegna tecniche di mano aperta e movimenti circolari. Maggiore enfasi viene data alla respirazione corretta. Il Gōjū-ryū utilizza metodiche che includono la fortificazione e il condizionamento del corpo, approcci di base al combattimento e esercizi con partner.

KenwaMabuniShitō-ryū,

fondato da Kenwa Mabuni, egli iniziò a studiare il Karate-Do all’età di 13 anni dal maestro Anko Itosu e, all’età di 20 anni, iniziò lo studio del Naha-Te con il maestro Higaonna. Kenwa Mabuni in seguito si unì alle forze di polizia e questo gli permise di viaggiare per tutta l’isola di Okinawa cosi da imparare nuove arti marziali classiche dell’isola. Si trasferì ad Osaka nel 1929 dove iniziò a insegnare la via del Karate-Do e in seguito qui vi aprì una propria palestra. Dopo una vasta conoscenza del Karate acquisita dalle sue esperienze, decise di insegnare la sua versione del Karate-Do. Il grande maestro Mabuni incentrò il suo nuovo metodo di insegnamento sulle basi dei suoi due maestri più importanti: il maestro Kanryu Higaonna di Naha e Ankoh Itosu di Shuri. Kenwa Mabuni chiamò questo nuovo stile del Karate Shito Ryu dandogli le iniziali dei loro nomi, Higaonna e Itosu o, più semplicemente, scuola di Itosu e Higaonna. Lo Shito Ryu oggi è uno degli stili più importanti e diffuso al mondo e presenta il maggior numero di kata.

[…]