Campionati Nazionali Montecatini – Luca Furlani

In questi giorni gli atleti dell’ AIK-AM hanno sostenuto le competizioni delle specialità di kata e kumite per la conquista del titolo italiano.
Alla competizione erano ammesse tutte le categorie a partire da quella dei cadetti. L’ evento si è svolto tra il pomeriggio-sera del sabato e la mattina della domenica. Il venerdì era dedicato all’ aggiornamento arbitrale; di sabato si sono svolte le competizioni a partire dalla categoria seniores, mentre la domenica quelle delle categorie cadetti e juniores.

Sono partiti tutti il sabato mattina con mezzi propri, ognuno dal punto d’incontro accordato con i rispettivi compagni di viaggio.
Il viaggio è stato tranquillo e, a parte qualche inconveniente e dopo qualche sosta lungo il tragitto, sono tutti giunti in albergo intorno le ore dodici. L’appuntamento per la cerimonia di apertura era fissato per le ore quindici, per poi iniziare con le competizioni di kata a squadre ed individuali e a seguire quelle di kumite.
La struttura si articolava in due edifici. Il primo accoglieva l’ area di gara, gli spalti e gli spogliatoi. I sei tatami erano disposti in modo ottimale, tuttavia il poco spazio rimanente non permetteva, agli atleti convocati nell’ area di gara, di spostarsi agevolmente. Il secondo edificio era dedicato all’ area di riscaldamento degli atleti.
Le categorie, la cui presenza era richiesta in area di gara, venivano chiamate attraverso l’applicazione Telegram; un metodo molto chiaro e veloce grazie al quale è stato possibile velocizzare molte altre operazioni e quindi la durata totale della competizione.
Gli atleti dell AIK-AM si sono da subito distinti, non solo per gli ottimi risultati raggiunti grazie ad una dura, attenta e faticosa preparazione ma anche per la professionalità, serietà, educazione e rispetto verso il prossimo, l’arbitro e l’avversario.

La competizione terminò nel primo pomeriggio della domenica e come tutti erano arrivati, tornarono a Roma forti dell’esperienza aggiuntiva che solo una competizione nazionale può dare e ancora più preparati per affrontare il campionato europeo che si terrà a Malta.

Luca Furlani